Partite

Testa, cuore e polmoni, tre punti a Vado e doppio balzo in classifica

Le incornate di Alfiero (in gol anche dal dischetto) e Brondi per superare i liguri e raggiungere il sesto risultato utile di fila


Non era ancora successo, in questa stagione, di vincere due partite di fila. Non erano ancora arrivati, in questa stagione, sei risultati utili di fila. Un filotto che, con la vittoria nel delicatissimo scontro con il Vado, ha permesso al Fossano di abbandonare finalmente quel maledetto ultimo posto e fare un doppio salto in avanti, lasciando dietro di sé proprio i liguri e il Borgosesia. Scontro delicato e per niente semplice, risolto dalla doppietta di bomber Alfiero e dalla prima marcatura blues di Brondi, oltre che naturalmente da una prestazione spettacolare di tutta la squadra. A partire da capitan Giorgio Merlano e dal reparto arretrato, con il trio Giraudo-Scotto-Bellocchio da elogiare per l'efficacia e l'attenzione con cui hanno alzato un muro di fronte agli assalti liguri. In mediana, non solo il gol (e l'assist) di Pippo Brondi ma anche il cuore e i polmoni di Lazzaretti e Fogliarino, sostenuti sugli esterni da uno stoico Coviello e dallo scatenato Specchia, autore a sua volta di un assist con il contagiri. Per finire con il duo offensivo Coulibaly-Alfiero, il primo bravo a battagliare su ogni pallone, il secondo sempre più bomber implacabile. Menzione speciale per Mirco Vinai, che ha guidato la squadra dalla panchina sostituendo in maniera impeccabile mister Viassi, squalificato e costretto in tribuna.


Sulla partita, furia Vado nella prima parte di gara, con Sbarbati che spaventa ma non colpisce in maniera letale i blues. Prova a colpire invece Scotto, su corner di Fogliarino, trovando però la deviazione decisiva di un difensore ligure. Il Vado si affida ancora a Sbarbati, Merlano devia e poi Bellocchio libera mandando in corner. Il Fossano si rivede verso fine primo tempo ed è l'azione del vantaggio: cross di Specchia e conclusione di Alfiero, mani di Strumbo e rigore sacrosanto; dal dischetto lo stesso Alfiero fa 0-1. Il bomber replica nella ripresa, con un perfetto colpo di testa sul cross di Brondi dalla destra, dando l'impressione di poter chiudere la partita. Impressione, perché Sbarbati, al suo ennesimo tentativo, è bravo ad accentrarsi e battere Merlano sul secondo palo. Il Vado è vivo e cerca il pari, super Merlano nega il 2-2 respingendo la conclusione ravvicinata del neoentrato Bernasconi. E quasi alla fine, il gol che, questa volta si, chiude i giochi: Coulibaly cambia gioco per Specchia, bravo il numero 3 a controllare, cercare il fondo e infine metterla in mezzo, proprio lì per la testa e la deviazione vincente di Brondi. 1-3, un'altra finale andata come doveva andare.


Vado-Fossano 1-3

Reti (0-2, 1-2, 1-3): 39′ rig. Alfiero (F), 11′ st Alfiero (F), 15′ st Sbarbati (V), 38′ st Brondi (F).

Vado (3-5-2): Luppi, Lipani, Casazza A., Bernardini, Strumbo, Tissone, Sbarbati, Taddei, Pedalino (23′ st Bernasconi), Boiga, Saccà (40′ st Dagnino). A disp. Scatolini, Barbetta, D’Antoni, Alberto, Catapano, Olivieri. All. Tarabotto.

Fossano (3-5-2): Merlano, Specchia, Bellocchio (34′ st Marin), Scotto, Alfiero, Giraudo, Brondi, Coviello, Fogliarino, Coulibaly, Lazzaretti (30′ st Reymond). A disp. Bosia, Galvagno, Aloia, Medda, Di Salvatore, Manuali, De Riggi. All. Vinai.

Arbitro: Torreggiani di Civitavecchia (Brizzi di Aprilia-Cirillo di Roma 1).